Novità della formazione antincendio con il decreto 02/09/21

Nei primi tre giorni di settembre 2021 sono stati emanati 3 nuovi decreti contenenti nuove disposizioni in materia antincendio:

  • il decreto 1 settembre 2021 ha introdotto criteri aggiornati per la sorveglianza, il controllo e la manutenzione di impianti, attrezzature e sistemi di sicurezza antincendio;
  • il decreto 2 settembre 2021 ha definito le modalità di gestione dell’emergenza incendio sul luogo di lavoro in termini di definizione del piano di emergenza, di informazione e formazione del personale aziendale e di formazione degli addetti alla gestione emergenze;
  • il decreto 3 settembre 2021 ha introdotto i criteri di effettuazione della valutazione del rischio incendio e di definizione delle misure di prevenzione del rischio e di gestione in caso di insorgenza dell’emergenza.
Nei primi tre giorni di settembre 2021 sono stati pubblicati 3 nuovi decreti contenenti nuove disposizioni in materia antincendio.

Partiamo dalle novità che riguardano la formazione!

Informazione e formazione antincendio: chi riguarda?

Il decreto 2 settembre 2021 effettua una distinzione tra due tipologie di formazione:

  • la formazione e l’informazione di tutti i lavoratori espositi a rischi di incendio o di esplosione correlati al posto di lavoro;
  • la formazione degli addetti alla prevenzione incendi o addetti antincendio.

Nel primo caso la formazione “specifica e adeguata” deve essere effettuata dal datore di lavoro e deve tenere conto del livello di rischio a cui la mansione espone il lavoratore. Il contenuto è dettagliato in apposito allegato del decreto (allegato I) e in sostanza prevede che vengano fornite ai lavoratori tutte le informazioni e le conoscenze necessarie affinché sappiano come comportarsi per prevenire il verificarsi di un’emergenza incendio e durante un’eventuale situazione di emergenza. Si tratta di una formazione aziendale o interna in quanto fortemente calata sulle attività, l’organizzazione e la logistica dell’impresa.

Il decreto 2 settembre 2021 effettua una distinzione tra due tipologie di formazione antincendio, una per tutti i lavoratori e una per gli addetti al servizio antincendio.

I lavoratori incaricati dell’attuazione delle misure di prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze, o addetti al servizio antincendio, invece, devono seguire corsi di formazione di durata variabile a seconda della classificazione dell’attività. Un po’ com’è stato sinora, ma con qualche differenza che ti racconto subito.

Che cosa cambia per la formazione degli addetti antincendio?

Non si parla più di formazione distinta per rischio basso, medio o elevato, adesso la distinzione è tra 3 livelli di attività. Così gli addetti al servizio antincendio dovranno frequentare:

  • un corso di 4 ore per attività di livello 1;
  • un corso di 8 ore per attività di livello 2;
  • un corso di 16 ore per attività di livello 3.

La frequenza di aggiornamento è finalmente esplicitata ed è almeno quinquennale e di 2, 5 e 8 ore a seconda che si parli di aggiornamento per livello 1, 2 o 3.

La nuova classificazione in 3 livelli è equivalente alla precedente in 3 classi di rischio?

A grandi linee sì, le novità riguardano l’inserimento di riferimenti normativi aggiornati o alcune precisazioni, per esempio gli uffici con oltre 1000 dipendenti previsti in rischio alto sono sostituito dagli uffici con oltre 1000 persone presenti, considerando quindi nel conteggio anche i possibili visitatori.

Un’attività che viene specificata ex novo, invece, e che ricade nel livello 3 è quella degli stabilimenti e impianti che effettuano stoccaggio di rifiuti e/o operazioni di trattamento di rifiuti, con l’esclusione di quelli che gestiscono rifiuti inerti.

Per alcune tipologie di attività o nel caso in cui il datore di lavoro lo ritenga necessario, a seguito della formazione antincendio il lavoratore deve superare un esame specifico per il conseguimento dell'attestato di idoneità tecnica.

L’attestazione di idoneità tecnica

Un ultimo dettaglio importante in materia di formazione degli addetti alla prevenzione incendi riguarda il requisito di idoneità tecnica. In sostanza per alcune tipologie di attività o nel caso in cui il datore di lavoro lo ritenga necessario, a seguito della formazione il lavoratore deve superare un esame specifico per il conseguimento dell’attestato di idoneità tecnica, organizzato presso i Comandi dei Vigili del Fuoco.

Le attività per le quali l’idoneità tecnica è obbligatoria sono elencate nell’allegato IV del nuovo decreto e comprendono buona parte delle attività di livello 3, ma con alcune differenze che è opportuno verificare nel determinare i requisiti degli addetti alla prevenzione incendi.

Il decreto 2 settembre 2021 entra in vigore il 3 ottobre 2022. L'aspetto più difficile è capire come gestire il periodo di passaggio dai vecchi ai nuovi obblighi, quindi ecco i riferimenti per orientarsi.

Tempi di attuazione

Il decreto 2 settembre 2021 entra in vigore il 3 ottobre 2022. L’aspetto più difficile è capire come gestire il periodo di passaggio dai vecchi ai nuovi obblighi, quindi ecco i riferimenti per orientarsi:

  1. sono validi i corsi eseguiti in riferimento alla normativa precedente purché effettuati entro il 3 aprile 2023;
  2. chi è già in possesso di formazione antincendio (rispetto alla normativa precedente) dovrà effettuare il primo aggiornamento entro 5 anni dalla conclusione del corso. Se al 3 ottobre 2022 i 5 anni risulteranno già trascorsi, il lavoratore per mantenere valida la sua formazione dovrà provvedere a un aggiornamento rispetto alla nuova normativa entro il 3 ottobre 2023.

5 risposte a “Novità della formazione antincendio con il decreto 02/09/21”

  1. Buongiorno Sig.ra Villa,
    l’azienda per cui lavoro ha da sempre rispettato i 3 anni per l’aggiornamento dei corsi antincendio, adottando quindi la versione più “pessimistica” al fine di non avere problemi in cantiere, anche con i CSE più pignoli.
    Ora con l’arrivo di questo nuovo decreto è stata finalmente chiarita la periodicità di aggiornamento, il problema è che ad oggi non è ancora in vigore. Secondo Lei come dovremmo comportarci con quei corsi che scadrebbero nel corso del 2022 (considerando i 3 anni)? Grazie

    1. Buongiorno Sara,
      io vi consiglio di procedere come “d’abitudine” sino al 3 ottobre 2022 (quindi erogando la formazione di aggiornamento per i corsi che vanno in scadenza triennale) e poi, a partire dal 3 ottobre, di pianificare il primo aggiornamento entro 5 anni dalla conclusione di tutti i corsi già effettuati.

    1. Buongiorno Giuseppe,
      le segnalo che risulta in pubblicazione il decreto 15 settembre che modificherà l’allegato II del decreto 1 settembre 2021 e prorogherà l’entrata in vigore dell’obbligo di qualifica per i manutentori al 25 settembre 2023. Se avesse bisogno di ulteriori informazioni, mi contatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *